Il diamante in blister
come valore che si perpetua nel tempo

 

filetto

crea diamanti 03

Una scelta in piena sicurezza

Il diamante è la pietra preziosa per eccellenza, un simbolo di benessere universale. Un dono della natura che ha affascinato l’uomo fin dall’antichità.
La genesi stessa della pietra è un evento straordinario. Un elemento naturale che si forma nelle recondite profondità della terra a temperature elevatissime e, in un lungo arco di tempo, sviluppa caratteristiche fisiche particolari.

Il risultato è una pietra unica di valore eccezionale, un valore che diventa bene prezioso e inimitabile.

 


 

Cosa rende unico e pregiato il diamante certificato?

Negli anni il diamante certificato ha goduto di una crescita del valore sui mercati internazionali. Oltre ad essere il simbolo per eccellenza di raffinatezza e di lusso, il diamante è diventato un bene rifugio che si afferma nel tempo.

Acquistare un diamante certificato come bene rifugio significa accantonare un capitale al riparo dall’inflazione e dalla svalutazione, dai cicli economici e dalle turbolenze dei mercati internazionali. Un bene liquidabile in ogni momento e in qualunque mercato dei 5 continenti.

Significa possedere un bene che ha tutte le caratteristiche per mantenere nel tempo il proprio valore e che negli ultimi decenni ha registrato un costante apprezzamento economico.

 


 

Un oggetto che mantiene intatto il suo splendore nel tempo

Il diamante certificato è un concentrato di caratteristiche che lo rendono di semplice gestione. È facile da custodire e da trasportare, non può deperire, non può rovinarsi in alcun modo perché è il materiale più duro esistente in natura.

Il diamante è di libera circolazione ed è soggetto ad IVA. Non è soggetto a tassazione sul valore realizzato in caso di vendita.

 


 

Un bene “etico”

CREA propone unicamente diamanti “etici”, ovvero conflict-free secondo le definizioni indicate dalle Nazioni Unite.

Si tratta di pietre che provengono da circuiti non coinvolti nel finanziamento di conflitti armati o nell’impiego di lavoro minorile e, più in generale, sono il ricavato di processi estrattivi che non sfruttano la terra in modo distruttivo e irreversibile.